LA SCUOLA DI ROCK… TUTTA ITALIANA!

Gli amanti delle commedie musicali si ricorderanno certamente la pellicola americana “The school
of rock” del 2003, diretta da Richard Linklater, con l’attore Jack Black nei panni del protagonista.
Nel film lo scapestrato musicista Dewey Finn coltiva il sogno di diventare un divo del rock, ma per
sbarcare il lunario, ottiene con l’imbroglio un posto da insegnante nella scuola elementare più
prestigiosa della città, assolvendo al suo compito svogliatamente. Un giorno però rimane
affascinato dalle doti dei ragazzi del laboratorio di musica e pensa di creare con loro un gruppo per
poter partecipare ad una gara tra rock band, preparandoli di nascosto. La band si presenta al
provino ma viene respinta e da quel momento le cose si complicano. Il resto della storia la
conoscerete già ma forse non sapete che questo film è diventato un musical di successo negli Stati
Uniti e ora è sbarcato oltreoceano arrivando in Italia.
La firma è quella del regista e adattatore Massimo Romeo Piparo. Nel 2013 diventa direttore
artistico del Teatro Sistina di Roma e comincia a portare in scena la versione italiana di musical
importanti, come “Billy Elliot” e “Il Marchese del Grillo” con Enrico Montesano, entrambi del 2015.
Il 2016 è la volta dell’adattamento italiano di “Evita” con Malyka Ayane e nel 2017, su licenza di
Music Theatre International, torna alla ribalta con una versione originale di “Mamma Mia”. La
direzione musicale è affidata a Emanuele Friello, curatore musicale di spettacoli di successo come
“The Full Monty”, “Sistina Story”, “Tutti insieme appassionatamente”, “Jesus Christ Superstar” e
molti altri.
I balletti sono del coreografo televisivo Roberto Croce, che ha curato le coreografie di programmi
di successo quali “Bellezze al bagno”, “Miss Italia”, “I raccomandati”, “Domenica in” etc.
Nei panni del musicista squattrinato, c’è Pasquale Petrolo in arte Lillo, comico già noto al grande
pubblico per le sue numerosissime partecipazioni in diverse trasmissioni televisive e come
componente del duo comico con il collega Greg, iniziando da “L’Ottavo nano”passando per “Il caso
Scafroglia” con Corrado Guzzanti e continuando con Serena Dandini a “Parla con me”.
Lillo ammette che l’omonimo film è sempre stato uno dei suoi preferiti, ma soprattutto nella sua
carriera c’è un passato da musicista. Ironia della sorte vuole che proprio lui, nel 1991, fondò con il
collega Greg, un gruppo rock demenziale chiamato “Latte & suoi derivati”: sarà un caso?
L’attore, che per l’occasione ballerà e canterà, sarà supportato da un cast di venti performer,
composto da quattordici giovanissimi studenti dell’accademia Sistina, di età compresa tra gli 11 e i
14 anni, con musica e voci rigorosamente dal vivo. “The school of rock” è uno spettacolo
innovativo e per tutti, dove risate ed energia si fondono lasciando spazio alla protagonista assoluta
che è la musica, il rock.
Il rock come elogio alla libertà e strumento per farsi sentire e non abbassare la testa, insieme ad
un messaggio importante per i ragazzi, per questo durante tutto il mese di programmazione
prevista al Teatro Sistina si è pensato ad un pacchetto speciale per famiglie; il biglietto infatti sarà
a pagamento solo per i genitori e gratuito per i figli.

Siamo pronti a scommettere che “The school of rock” sbancherà al botteghino per questa
stagione; del resto la tourneè è già partita e si concluderà a maggio per poi riprendere a
novembre.
Lunga vita al rock!

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *